• Dott. Federica Cavallini

L’aumentato rapporto degli acidi grassi n-6/n-3 nei pazienti con Psoriasi

(articolo tratto da The increased erythrocyte membrane n-6/n-3 fatty acids ratio and inflammatory markers in patients with psoriasis Indian Journal of Rheumatology del 31-12-2019)



Nel paziente affetto da psoriasi sono stati osservati cambiamenti significativi nel metabolismo dell'acido arachidonico (AA) e lo studio del ruolo degli eicosanoidi nella patogenesi della malattia è diventato importante.


Facciamo un passo indietro :


Gli eicosanoidi sono derivati dell'acido arachidonico: un acido grasso a 20 atomi di carbonio. Questo precursore di tipo polinsaturo con quattro doppi legami è compattato come estere del fosfatidilinositolo e di altri fosfolipidi di membrana. L'enzima che si occupa della sua liberazione al fine di dare vita ai derivati è la Fosfolipasi A2 che agisce a livello del C2 dei fosfolipidi. Il termine eicosanoidi si usa normalmente per riferirsi ai Leucotrieni e a tre tipi di Prostanoidi: Prostaglandine, Prostaciclina e Trombossani; ciascuna di queste è a sua volta suddivisa in sottoclassi.






Gli acidi grassi n-3 e n-6, acidi grassi polinsaturi (PUFA), regolano le funzioni delle membrane biologiche e svolgono anche un ruolo importante nella produzione di eicosanoidi nelle membrane delle cellule infiammatorie. Le prostaglandine (PG) e i leucotrieni (LT) sono composti da acidi grassi omega, che possono svolgere un ruolo nel promuovere o sopprimere i processi infiammatori.


PUFA n-6 AA è un precursore di un elevato numero di potenti mediatori pro-infiammatori, inclusi PG, trombossani, LT e metaboliti correlati. Questi presentano effetti infiammatori diretti oltre a regolare la produzione di altri mediatori, comprese le citochine infiammatorie.

I PUFA Omega-3 mitigano l’effetto degli eicosanoidi derivati dall'AA esibendo attività anti-infiammatoria. Gli acidi grassi omega-3, l'acido eicosapentaenoico (EPA) e l'acido docosaesaenoico (DHA) riducono anche la produzione delle classiche citochine infiammatorie: fattore di necrosi tumorale, interleuchina (IL) -1beta e IL-6.  L'aumento dei livelli di PUFA omega-6 e un rapporto n-6 / n-3 molto elevato possono svolgere un ruolo importante nella patogenesi di molte malattie, tra cui CVD, cancro e malattie infiammatorie e autoimmuni.


La popolazione cellulare più comunemente utilizzata per questo scopo sono i globuli rossi (globuli rossi), che sono facilmente disponibili e riflettono lo stato degli acidi grassi a lungo termine per almeno 2-3 mesi.Per la prima volta è stato effettuato uno studio in cui sono stati analizzati il rapporto tra acidi grassi n-6 / n-3 nella membrana eritrocitaria nei pazienti con psoriasi ed è stata valutata la sua relazione con noti biomarcatori infiammatori come Proteina C-reattiva (CRP) e IL-6. I valori CRP, ESR, WBC e IL-6 nel gruppo psoriasico si sono dimostrati superiori a quelli del gruppo di controllo ( P = 0,0001, P = 0,0001, P = 0,0001 e P= 0,002, rispettivamente).


Table 1: Demographic and clinic characteristics of patients with psoriasis and control


I pazienti psoriasici sono stati divisi in due gruppi in base al punteggio mediano PASI (3,85 [2,78-5,18]). Il gruppo di pazienti è stato classificato come Gruppo 1 con un punteggio PASI mediano <3,85 e Gruppo 2 con punteggio PASI mediano ≥ 3,85. Il rapporto tra acidi grassi n-6 / n-3 e livelli di CRP erano significativamente più alti, mentre nessuna differenza è stata osservata nei livelli di IL-6 nel gruppo 2 rispetto al gruppo 1 ( P = 0,004, P = 0,001 e P = 0,641, rispettivamente)



Le composizioni di acidi grassi nella membrana eritrocitaria sono riportate nella seguente tabella . Il rapporto PUFA n-6 / n-3 è significativamente più alto nei pazienti con psoriasi rispetto ai controlli ( P = 0,004). Le differenze negli acidi grassi n-3 e n-6 tra i due gruppi sono state calcolate come una diminuzione del 12,5% per n-3 e un aumento del 9,2% per gli acidi grassi n-6. La differenza tra i gruppi psoriasici e di controllo in termini di acido linoleico acido n-6 non era significativa, mentre le percentuali di acido diomo-γ-linolenico e AA erano significativamente più elevate nei pazienti con psoriasi ( P = 0,498, P = 0,008 e P= 0,018, rispettivamente). La percentuale di EPA dell'acido grasso n-3 era significativamente più bassa, mentre non è stata osservata alcuna differenza nei livelli di DHA nei pazienti con psoriasi rispetto ai controlli ( P = 0,016 e P = 0,777, rispettivamente).

Il rapporto n-6 / n-3 della membrana eritrocitaria era positivamente correlato con gli indici di infiammazione inclusi i livelli di CRP e IL-6 nei pazienti con psoriasi (rho = 0,687, P = 0,0001 e rho = 0,486, P = 0,007, rispettivamente). Inoltre, l'acido grasso n-6 era correlato positivamente con CRP e IL-6 nella membrana eritrocitaria, mentre l'acido grasso n-3 era negativamente correlato con questi parametri di infiammazione (rho = 0,509, P = 0,004; rho = 0,436,P = 0,016 e rho = −0,582, P = 0,001; rho = −0,421, P = 0,021, rispettivamente). Non è stata osservata una correlazione significativa tra il rapporto e i punteggi PASI ( P > 0,05).





Erythrocyte membrane fatty acid compositions in patients with psoriasis and control participants




PCR, ESR (VES) , IL-6 e n-6 / n-3 sono stati identificati come marcatori infiammatori significativi per la psoriasi. La potenza significativa del rapporto n-6 / n-3 è simile a quella osservata in CRP, ESR e IL-6, marcatori infiammatori classici



L'obiettivo principale di questo studio è stato quello di valutare il rapporto tra acidi grassi n-6 / n-3 nella membrana eritrocitaria e la sua relazione con i marker infiammatori nei pazienti con psoriasi. Il rapporto tra acidi grassi n-6 / n-3 è significativamente più alto nel gruppo psoriasico rispetto al gruppo di controllo. La riduzione dei livelli di acidi grassi n-3 sembra avere un effetto più dominante sull'aumentato rapporto n-6 / n-3. Per quanto ne sappiamo, questo è il primo studio a valutare il rapporto tra acidi grassi n-6 / n-3 in questo senso nei pazienti psoriasici.

Questi risultati suggeriscono che un rapporto di acidi grassi n-6 / n-3 più elevato può essere associato alla gravità clinica della psoriasi (punteggio PASI).

Supporta inoltre l'opinione che il rapporto tra acidi grassi possa svolgere un ruolo importante nella regolazione della risposta infiammatoria nei pazienti psoriasici. Bassi livelli di n-3 e alti livelli di n-6 PUFA determinati nei pazienti psoriasici nello studio possono essere associati a condizioni pro-infiammatorie.

Un'associazione significativa tra un aumento del rapporto degli acidi grassi eritrocitari n-6 / n-3 e i livelli di CRP e IL-6, indica che un aumento del rapporto degli acidi grassi n-6 / n-3 può influenzare lo stato infiammatorio nei pazienti con psoriasi. L'aumento del rapporto n-6 / n-3 è correlato con i livelli di citochina infiammatoria IL-6 nel nostro gruppo psoriasico. È stato riportato che i livelli di n-3 PUFA nel plasma sono negativamente correlati con i marcatori pro-infiammatori nel plasma, inclusi CRP e IL-6. I risultati dello studio mostrano che un aumentato rapporto eritrocitario n-6 / n-3 può essere associato a concentrazioni sieriche più elevate di citochine pro-infiammatorie.



Questi risultati, pertanto, supportano l'opinione secondo cui i PUFA AA e n-3 possono riflettere la risposta infiammatoria nei pazienti psoriasici.

Uno studio precedente ha suggerito che il rapporto ottimale di acidi grassi n-6-n-3 (1: 1) può modificare la patogenesi delle malattie infiammatorie.

La riduzione del rapporto n-6 / n-3 nei fosfolipidi eritrocitari dei pazienti con psoriasi può contribuire a effetti anti-infiammatori generali e ad un rischio ridotto della malattia. Un rapporto equilibrato di acidi grassi n-6 / n-3 nella dieta quotidiana è molto importante e abbassare questo rapporto può essere utile in termini di patogenesi di malattie croniche come la psoriasi.

Il rapporto degli acidi grassi n6 / n3 della membrana eritrocitaria è aumentato e ha mostrato correlazioni con la nei pazienti con psoriasi. Il rapporto degli acidi grassi n-6 / n-3 della membrana eritrocitaria può essere usato come uno dei marker pro-infiammatori nei pazienti con psoriasi.


Bibliografia

  • The increased erythrocyte membrane n-6/n-3 fatty acids ratio and inflammatory markers in patients with psoriasis Indian Journal of Rheumatology

  • A. Polyunsaturated fatty acids and inflammatory diseases. Biomed Pharmacother 2002;56:388-96.

  • Decreased eicosapentaenoic acid levels in acne vulgaris reveals the presence of a proinflammatory state. Prostaglandins Other Lipid Mediat 2017;128-129:1-7.

31 views

STUDIO MEDICO

Lun - Ven | 9:00 - 19:00

Si riceve su appuntamento

© 2020 Studio medico Dott.ssa Federica Cavallini | Padova - Italia

  • Grey Facebook Icon