top of page

Dermatite Atopica: 5 Cose da Sapere sull'eczema atopico

Updated: May 6


L'eczema atopico (AD) è una condizione cutanea infiammatoria cronica e pruriginosa che colpisce tipicamente il viso (guance), collo, braccia e gambe ma solitamente risparmia le regioni inguinali e ascellari. L'AD di solito inizia nella prima infanzia, ma può colpire anche alcuni adulti. È spesso associato a livelli elevati di immunoglobulina E (IgE). Il fatto che sia la prima malattia a presentarsi in una serie di malattie allergiche - tra cui allergia alimentare, asma e rinite allergica, in ordine - ha dato origine alla teoria della "marcia atopica", che suggerisce che l'AD faccia parte di una progressione che può portare a malattie allergiche successive su altre superfici di barriera epiteliale.





Ecco 5 cose da sapere sull'eczema atopico.


  1. Caratteristiche essenziali dell'AD sono prurito ed eczema.

La diagnosi di AD è principalmente osservativa. Viene effettuata sulla base della storia del paziente e della famiglia, del modello delle lesioni, della morfologia e dei segni clinici. Nessuna caratteristica genetica o biomarcatore è abbastanza specifica da aiutare in modo affidabile nella diagnosi o nella valutazione della gravità. Molte trovate individuali vengono utilizzate per diagnosticare l'AD, come riassunto dall'American Academy of Dermatology (AAD) basato su caratteristiche essenziali, importanti, associate ed escludenti: Le caratteristiche essenziali (devono essere presenti per la diagnosi) sono (1) prurito e (2) eczema (acuto, subacuto o cronico) con morfologia tipica e pattern specifici dell'età e storia cronica o recidivante. Le caratteristiche importanti (di solito presenti nell'AD e supportano la diagnosi) sono (1) precoce età di insorgenza, (2) atopie (storia personale/familiare, reattività IgE) e (3) xerosi. Le caratteristiche associate (non specifiche ma suggestive) sono (1) risposta vascolare atipica (ad esempio, risposta alla blanda ritardata); (2) cheratosi pilaris (e altre); (3) cambiamenti oculari/periorbitali; (4) altri ritrovamenti regionali (ad esempio, cambiamenti periorali); (5) e accentuazione perifollicolare, lichenificazione o lesioni pruriginose. Le condizioni escludenti (devono essere escluse per fare la diagnosi di AD) sono (1) scabbia, (2) dermatite seborroica, (3) dermatite da contatto, (4) ittiosi, (5) linfoma a cellule T cutanee, (6) psoriasi, (7) dermatosi fotosensibili, (8) malattie da immunodeficienza e (9) eritrodermia per altre cause. L'AD dovrebbe essere differenziato da altre condizioni cutanee rosse e squamose. È spesso difficile separare l'AD dalla dermatite seborroica nell'infanzia, e le due condizioni possono sovrapporsi in questo gruppo di età. In particolare se la condizione non risponde alla terapia, la diagnosi di AD dovrebbe essere rivalutata e considerati altri disturbi, inclusi disturbi nutrizionali, metabolici e immunologici più gravi nei bambini e linfoma a cellule T cutanee negli adulti. La dermatite da contatto allergica può essere sia una diagnosi alternativa all'AD che un esacerbante dell'AD in alcuni individui.


2. Le comorbidità associate all'AD possono esacerbare la condizione e portare ad altre patologie atopiche.

Le comorbidità segnalate di AD includono altre condizioni atopiche o allergiche, malattie autoimmuni, infezioni, condizioni metaboliche, disturbi della salute mentale e malattie cardiovascolari. Alcuni aspetti dell'AD, come il prurito cronico, il disagio psicosociale e l'infiammazione, possono portare ad ansia, depressione e tendenze suicide. L'AD è associata e può predisporre a un rischio maggiore per altre patologie atopiche, compreso l'asma, il raffreddore da fieno, l'allergia alimentare e l'esofagite eosinofila.

Le persone con AD sembrano anche essere a maggior rischio di malattie infettive. La prevalenza di infezioni cutanee e sistemiche nei pazienti con AD è significativamente più alta rispetto a quelli senza AD. Le complicanze infettive possono includere infezioni cutanee e dei tessuti molli, batteriemia, eczema erpetico, osteomielite, endocardite e artrite settica.

3. Il cambiamento climatico ha un impatto profondo sull'AD.

L'incidenza dell'AD è aumentata nei decenni scorsi, e i fattori ambientali come il cambiamento climatico sono stati implicati come possibile meccanismo. I fattori legati al cambiamento climatico influenzano la capacità della pelle di mantenere l'omeostasi, portando a varie malattie cutanee. AD, psoriasi, pemfigo, acne vulgaris, melasma e foto-invecchiamento sono tutti associati all'aumento dei livelli di inquinamento dell'aria. Le temperature elevate dovute al riscaldamento globale inducono la disgregazione del microbioma cutaneo, influenzando così l'AD.

Eventi meteorologici estremi dovuti al cambiamento climatico, tra cui inondazioni e incendi boschivi, sono implicati in lesioni cutanee, infezioni cutanee e peggioramento acuto delle malattie cutanee infiammatorie.



4. L'impatto e l'aspetto dell'AD variano in diversi gruppi razziali.

Un tempo si credeva che l'AD fosse solo una singola malattia che colpiva persone di molte razze diverse. Più recentemente, è stato proposto che l'AD sia in realtà un gruppo di diverse malattie. Sia i fattori epidemiologici che genetici possono giocare un ruolo nell'influenzare le principali caratteristiche dell'AD.

I processi spongiosi come l'AD che sarebbero rosa o eritematosi sulla pelle bianca sono spesso ipopigmentati nelle persone con pelle scura. L'AD ha una maggiore prevalenza e gravità nelle popolazioni nere e di razza mista, probabilmente a causa di una combinazione di fattori ambientali e intrinseci. È stato dimostrato che la pelle nera ha un aumento della perdita transepidermica di acqua e livelli più bassi di ceramidi, che sono componenti importanti della barriera lipidica nello strato corneo.

La American College of Allergy, Asthma & Immunology, insieme alla Allergy & Asthma Network, si stanno unendo per creare Eczema in Skin of Color, un sito web per aiutare medici e pazienti a riconoscere l'eczema nelle persone con tutti i tipi di pelle.


5. Terapie nuove ed emergenti sono pronte a migliorare gli esiti del trattamento dell'AD.

La crema di ruxolitinib, un inibitore topico della Janus chinasi (JAK) -1/JAK2, è stata approvata per l'AD dalla Food and Drug Administration (FDA) degli Stati Uniti nel settembre 2021. L'approvazione si basava sui risultati del programma di trial clinici Topical Ruxolitinib Evaluation in AD (TRuE-AD), che consisteva in studi di fase 3 che hanno coinvolto 1249 pazienti di età ≥ 12 anni con AD lieve o moderata (punteggio di valutazione globale dell'investigatore di 2-3) con una superficie corporea del 3%-20% (escluso il cuoio capelluto). Le linee guida AAD 2023 per il trattamento topico raccomandano la crema di ruxolitinib per gli adulti con AD lieve o moderata.

Il tralokinumab è un anticorpo monoclonale che inibisce le citochine interleuchina-13, impedendo il rilascio di citochine, chemochine e IgE. È stato approvato dalla FDA nel 2021 per il trattamento dell'AD moderata o grave. Viene somministrato per iniezione sottocutanea ogni 2 settimane. L'approvazione si basava sugli studi di fase 3 ECZTRA 1, 2 e 3, che hanno valutato l'efficacia del tralokinumab in 1934 adulti.

Abrocitinib è un inibitore orale della JAK1 da assumere una volta al giorno per il trattamento di adulti affetti da AD moderata o grave refrattaria. L'approvazione della FDA si basava sui risultati di cinque trial clinici di un programma di trial su larga scala di oltre 1600 pazienti. Nei trial, abrocitinib ha dimostrato un profilo di sicurezza costante e miglioramenti significativi nella clearance della pelle, estensione della malattia e gravità, così come un rapido miglioramento del prurito dopo 2 settimane per alcune persone affette da AD rispetto al placebo.

Upadacitinib, un altro inibitore orale della JAK1, è stato approvato dalla FDA nel gennaio 2022 per l'AD moderata o grave refrattaria. L'approvazione si basava su tre trial di fase 3 in doppio cieco (Measure Up 1, Measure Up 2, AD Up) in cui 2584 pazienti con AD moderata o grave sono stati randomizzati per ricevere upadacitinib orale 15 mg/d e 30 mg/d. In Measure Up 1 e Measure Up 2, upadacitinib è stato valutato come monoterapia; in AD Up, upadacitinib è stato valutato in combinazione con corticosteroidi topici.

In arrivo Baricitinib, un inibitore orale di JAK1/2, non è ancora approvato dalla FDA per l'AD. Tuttavia, è approvato per il trattamento dell'AD moderata o grave nell'Unione Europea e in molti altri paesi. Una revisione del 2022 degli studi che valutano baricitinib per il trattamento dell'AD moderata o grave negli adulti ha riportato che le prove attuali supportano baricitinib, usato come monoterapia o in combinazione con corticosteroidi topici, come un agente sicuro ed efficace che può essere usato come alternativa ai biologici sottocutanei negli adulti con AD moderata o grave.

Inibitori Topici della JAK Una revisione sistematica del 2023 (19 studi, 3600 partecipanti) ha riportato diversi inibitori topici della JAK che sono efficaci nel trattamento dell'AD. Suggerisce un profilo di sicurezza migliore e risultati migliori rispetto agli inibitori della JAK sistemici. La revisione si è concentrata su delgocitinib, tofacitinib, ruxolitinib, cerdulatinib e ifidancitinib. Tutti gli agenti sono stati efficaci nel trattare l'AD. Tutti questi inibitori topici della JAK hanno avuto un rischio minimo di effetti avversi lievi o moderati.

Biologici Lebrikizumab è stato valutato in uno studio clinico di fase 2b, in doppio cieco, controllato con placebo e randomizzato. Dopo 16 settimane (280 partecipanti), i pazienti con AD moderata o grave hanno mostrato un miglioramento significativo dipendente dal dosaggio nel punto finale primario rispetto al placebo. Due trial di fase 3 (ADvocate1, ADvocate2) hanno valutato la sicurezza e l'efficacia della monoterapia con lebrikizumab in adulti e adolescenti con AD moderata o grave.

Nemolizumab, valutato in trial di fase 3 a lungo termine del prurito associato all'AD, ha portato a miglioramenti clinicamente significativi dall'inizio del trattamento alla settimana 68. Nemolizumab viene valutato in due studi identici di fase 3 (Arcadia 1, Arcadia 2) e in uno studio di estensione a lungo termine.



Fonte : Atopic Dermatitis: 5 Things to Know - Medscape - Oct 11, 2023.

57 views0 comments

Commenti


STUDIO MEDICO

bottom of page